più viaggi per tutti

IL BLOG DI VOLAGRATIS
Home > Italia > Le migliori località sciistiche in Italia

Italia

Le migliori località sciistiche in Italia

Le migliori località sciistiche in Italia
dicembre 30
08:17 2015

L’inverno è nuovamente alle porte e per gli sciatori è tempo di programmare nuovi viaggi: ecco la nostra TOP 5 delle località sciistiche del Nord Italia, ideali per una settimana bianca ma anche per un solo weekend.

Valle d’Aosta

Al primo posto c’è senza dubbio Cervinia, un comprensorio sciistico imponente dovuto ai suoi 150 km di piste collegate con la Valtournenche e al collegamento internazionale con Zermatt (in Svizzera), per un totale di 350 km di piste innevate e 59 impianti. Il paese di Cervinia si trova a circa 2.000 metri e offre negozi, ristoranti e alberghi perfetti anche per chi non scia. La pista più lunga (il Ventina) è di 11 km e porta da Plateau Rosà al paese; da Plateau si può scendere sul versante svizzero e arrivare al paese di Zermatt solo se si è acquistato il biglietto internazionale. Le tariffe partono da 41 euro, variano in base al periodo e crescono all’acquisto di plurigiornalieri; per sconfinare in Svizzera c’è un supplemento.
Perché ci piace
Ha piste molto larghe e lunghe, di diversa pendenza; permette così di sciare sia con bambini che stanno imparando (soprattutto nella parte bassa, vicino al paese, sotto a Plain Maison), sia tra adulti che desiderano ammirare il paesaggio ad altezze che arrivano anche ai 3.400 metri di Plateau Rosà, con l’immensità del Cervino e della vallata sottostante ai propri piedi. Quando c’è neve, la stagione inizia ad ottobre e termina a maggio.

Cervinia

Al secondo posto c’è La Thuile, comprensorio che insieme a quello francese La Rosiére (chiamato Espace San Bernardo) offre 80 piste per circa 160 km in totale. Anche qui si scia fino a primavera inoltrata (il paese di La Thuile è a 1.400 metri e il Belvedere a 2.600).
Perché ci piace
Potrete dire di aver sciato ai piedi del Monte Bianco (4.807 metri); inoltre la neve qui è sempre “farinosa” al punto giusto, una goduria per chi ama questo sport.

Piemonte

Il comprensorio della Via Lattea, in Val di Susa, sui Monti della Luna, gode di un paesaggio che pochi altri vantano. Dolci e morbide vallate interamente bianche, interrotte solo da qualche pino qua e là: parlo di Sèstriere, Pragelato, Claviere, Monginevero, Cesana, Salice D’Ulzio, San Sicario.
Siamo sul confine con la Francia e anche qui le piste si moltiplicano se si decide di acquistare il pass internazionale. Chi resta in paese, per esempio a Sèstriere, non si annoierà di certo tra piste di pattinaggio, SPA, negozi e ristoranti sulla neve a fondo valle. Il biglietto giornaliero varia di prezzo in base alla zona in cui si decide di sciare: ci sono diverse formule per diverse distanze. Il nostro consiglio è quello di scegliere la formula completa se si resta più giorni, magari per una settimana, poiché in giornata è praticamente impossibile effettuare il giro di tutto il comprensorio, che è davvero enorme.

Perché ci piace
per la varietà di piste disponibili in ogni zona del comprensorio: che siano azzurre, rosse o nere, c’è davvero di tutto e per ogni tipologia di sciatore.

Claviere

Lombardia

Livigno è un’isola felice: è il secondo comune tra i più elevati d’Italia e si trova in una zona extradoganale dell’Alta Valtellina; il borgo infatti è pieno di negozi di lusso con prezzi più bassi rispetto al resto del paese. Le piste da sci si estendono su due versanti al cui fondo valle si trova il borgo in tutta la sua lunghezza. Ci sono 12 piste nere, 37 rosse e 29 blu per 115 km totali, oltre allo snowpark per chi scia con lo snowboard. Il pass giornaliero per adulti costa 44 euro mentre la formula 7 giorni 240.

Perché ci piace
Le piste sono facilmente raggiungibili a piedi o in bus da ovunque si alloggi a Livigno; inoltre in valle ci sono anche 30 km di piste da fondo e una pista per slittini.

Trentino

Dulcis in fundo il Trentino e le stupende Dolomiti. Qui abbiamo selezionato 2 vallate perfette per gli sciatori, perché una sola per il Trentino era quasi impossibile.

La Val di Fassa ci piace perché sciare nelle ultime ore del giorno davanti alle Pale di San Martino, al Passo San Pellegrino, è qualcosa di assolutamente imperdibile. E poi come non parlare del gruppo del Sella, sopra al paese di Canazei, dove gli sciatori più esperti possono compiere il giro di 360° (chiamato Sellaronda, in senso orario o antiorario) su e giù per le valli attorno a questo imponente gruppo montuoso.

Alba sulla Paganella

Le Dolomiti della Paganella e quelle di Brenta invece ci piacciono perché qui potrete vedere una delle albe più belle della vostra vita: d’inverno infatti organizzano giornate in cui gli impianti vengono attivati prima che il sole sorga, così da raggiungere la cima, e in particolare il rifugio La Roda, per vedere lo spettacolo del sole che illumina di rosa le cime delle montagne. Il comprensorio possiede 23 piste di cui 12 di media difficoltà (per cui è adatto anche a famiglie con bambini), per un totale di 50 km di piste sinuose ed ampie.

Non vi resta che scegliere la destinazione, la neve sta arrivando: buon inverno!

Video Correlati

Autore

Silvia Cartotto

Silvia Cartotto

Classe 1986, piemontese, Travel Blogger e Copywriter, se si potesse vivere scrivendo e viaggiando metterebbe la firma.

1 Commento

  1. Giorgia
    Giorgia gennaio 25, 12:12

    Io avrei messo il Trentino al primo posto, ma sono di parte quindi fa niente 😉 E concordo sulle Pale di San Martino: uno spettacolo della natura da mozzare il fiato! 😉

    Rispondi a questo commento.

Scrivi un commento

Seguici su

#FjordExperience - Social tour alla scoperta dei fiordi.
#SpecialeIsole: Pontine, Eolie, Egadi, Tremiti, Pelagie.
Viaggi a fumetti - Consigli creativi per partire.
Itinerari per budget
Pics&Tips - in collaborazione con Instagramers Italia

Seguici su Instagram

Volagratis su Instagram

Seguici su Twitter

Categorie