più viaggi per tutti

IL BLOG DI VOLAGRATIS
Home > Italia > Friuli-Venezia Giulia > 5 luoghi da visitare nei dintorni di Trieste

Friuli-Venezia Giulia

5 luoghi da visitare nei dintorni di Trieste

5 luoghi da visitare nei dintorni di Trieste
novembre 10
08:05 2014

Alcuni consigli per visitare Trieste e i suoi dintorni. 

Trieste è tra le città più attrattive del Friuli Venezia Giulia grazie al suo fascino di città di mare che si mescola ad una lungo passato mitteleuropeo.

Sono tante le cose da vedere a Trieste e che si possono scoprire sia passeggiando senza un programma preciso, sia seguendo gli itinerari tematici (come quelli sulle tracce degli scrittori del Novecento, per esempio).

Per chi non visita la città per la prima volta o si ferma in zona abbastanza a lungo da trovare il tempo per andare oltre al centro, vi voglio proporre 5 luoghi da visitare nei dintorni di Trieste, che vi aiuteranno a comprendere meglio la storia del territorio ed il paesaggio nel quale la città è immersa.

Castello di Miramare

Raggiungibile in pochi minuti di auto o di bus dal centro, è uno dei simboli più amati della città: il suo profilo bianco si erge su uno scoglio e le sue finestre si affacciano sul mare del golfo di Trieste.

Ciò che rende imperdibile questo castello – oltre alla location, su questo non si discute – è che Miramare è stata a lungo la residenza estiva degli imperatori d’Austria.
Il nome di Sissi vi dice qualcosa? Era la bellissima e giovane principessa moglie di Francesco Giuseppe, la cui storia affascina ed incuriosisce ancora oggi. Anche lei trascorse molto tempo in questo castello.

Le storie di Sissi e degli altri membri della famiglia reale asburgica aleggiano nelle stanze di Miramare, ancora arredate come all’epoca.

Il Castello è immerso in un parco di 22 ettari ricoperto di aiuole, fiori e alberi, che a sua volta merita di essere percorso con calma in tutta la sua vastità.

miramare

Grotta Gigante

Vicino a Trieste, sul confine con la Slovenia si trova la Grotta Gigante, una delle tante grotte di origine carsica che caratterizzano il territorio. L’aggettivo “gigante” non le è stato dato per niente: al suo interno è possibile visitare la sala naturale più grande del mondo!

Attraverso gli scalini di roccia si scende in profondità tra stalattiti e stalagmiti ammirando pareti rocciose dalle sfumature diverse, formazioni calcaree e pozzi verticali che sembrano non avere fine.

Risalendo in superficie, nel vicino centro di accoglienza visitatori si prosegue la visita alla scoperta delle grotte nel Museo Speleologico.

Risiera di San Sabba

Non tutti sanno che a Trieste si trova l’unico campo di concentramento munito di forno crematorio di tutta Italia. Questo ex stabilimento per la pulitura del riso venne utilizzato dai nazisti durante la II Guerra Mondiale come deposito di beni sottratti agli ebrei, luogo di smistamento dei deportati (ebrei ma soprattutto detenuti politici e partigiani italiani, sloveni e croati) verso i campi di concentramento del resto d’Europa.

Oggi la Risiera di San Sabba è uno dei luoghi della memoria, allestita a museo per non dimenticare quanto successe durante il conflitto mondiale in questa zona dell’Italia.

Visitare la risiera è gratuito. Inoltre la vicinanza del monumento al centro di Trieste lo rende facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici.

Redipuglia

Un altro pezzetto di storia locale ed italiana si può conoscere visitando Redipuglia, un paesino situato a una quarantina di chilometri da Trieste, ma facilmente raggiungibile anche in treno dalla città. A Redipuglia si trova il Sacrario militare, un enorme monumento eretto a memoria dei soldati che su questo confine persero la vita combattendo durante la I Guerra Mondiale.

È un’imponente costruzione formata da gradoni di cemento dove sono sepolti 30.000 uomini: un pezzo importante di storia italiana.

redipuglia

Osmize sul Carso

Scoprire Trieste non può prescindere dal visitare almeno una delle sue Osmize sul Carso: si tratta di particolari cascine situate nella zona collinare e montuosa alle spalle della città.

carso

Nelle Osmize i visitatori possono acquistare (ma soprattutto consumare direttamente in loco) i prodotti dei contadini: prosciutti, salami, uova e soprattutto vino.

L’“Andar per Osmize” – cioè andare a bere vino e mangiare prodotti tipici nelle frasche sul Carso – è quasi un obbligo se visitate Trieste! Siccome non sono sempre tutte aperte potete verificare online quali lo sono in questo sito, oppure semplicemente prendere l’auto e guidare nel Carso finché non trovate un cartello segnalato con una frasca.

 

Video Correlati

Autore

Valentina Paro

Valentina Paro

Vivo in una piccola città tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, mi definisco curiosa e sognatrice e adoro viaggiare. Alla ricerca di stimoli sempre nuovi viaggio vicino e lontano, inizio scoprendo i dintorni della mia città, per arrivare fino a dove il cuore o il primo volo mi porteranno. L'immensità della natura mi lascia senza fiato, storia e tradizioni solleticano la mia curiosità, viaggio in camper quando posso e prediligo i viaggi dog friendly nei quali posso portare la mia cagnolina Lola con me.

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Al momento non ci sono commenti, desideri inserirne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Seguici su

#FjordExperience - Social tour alla scoperta dei fiordi.
#SpecialeIsole: Pontine, Eolie, Egadi, Tremiti, Pelagie.
Viaggi a fumetti - Consigli creativi per partire.
Itinerari per budget
Pics&Tips - in collaborazione con Instagramers Italia

Seguici su Instagram

Volagratis su Instagram

Seguici su Twitter

Categorie